Internationl Parks Festival: la natura elogio della bellezza

Coverd sponsor International Parks Festival

A tagliare il nastro, il 10 giugno, nella Sala Liberty della Centrale Taccani Enel Green Power di Trezzo sull’Adda, sarà Licia Colò.

Sarà, infatti, lei la madrina della seconda edizione dell’International Parks Festival che dal 10 al 14 giugno animerà la citta lombarda, con eventi anche a Verderio e Capriate San Gervasio.

Edizione del 2015

Per l’edizione 2015 gli organizzatori hanno scelto come tema – per una riflessione su “uomo e natura” e una “nuova etica” – le aree protette come “elogio della bellezza”La “bellezza” come “valore che attraversa la vita quotidiana delle persone e dei luoghi”, quindi la “resilienza”, intesa come “capacità dell’ambiente di adattarsi alle pressioni che subisce con dinamismo e vitalità”, e i parchi, che “producono bellezza e sono resilienti”, hanno queste caratteristiche che il Festival ha voluto valorizzare, “creando confronto e collaborazione tra diversi soggetti”.

Presentazione

Così Agostino Agostinelli, presidente del Parco Adda Nord e vice presidente di Federparchi durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento. “La bellezza, declinata in ogni forma artistica e intesa come elemento guida per la salvaguardia etica dell’ambiente”, gli ha fatto eco Daniele Baronio, coordinatore del Festival. Perché “ciò che è eticamente bello, non può essere sbagliato per l’ambiente”.

elogio della bellezza

La Manifestazione

La manifestazione, dedicata ai parchi italiani e europei, sarà anche l’occasione per parlare di temi ambientali come alimentazione, benessere, foreste, biodiversità, cambiamenti climatici, comunicazione ambientale. Con cento relatori, sei convegni, cinque workshop, cinque incontri con autori di libri “a tema”, dieci spettacoli serali di musica e teatro, otto mostre permanenti e due installazioni, il Festival sarà vivacizzato anche da un “mercato contadino” con “prodotti tipici della tradizone locale”, né mancheranno degustazioni e aperitivi.

Location

Nella Sala Liberty della Centrale Taccani Enel Green Power, l’11 e il 12 giugno si terrà il congresso di Federparchi, quindi, il 13, il meeting nazionale delle Polizie ambientali. ll 12 giugno, alla Società Operaia di Trezzo sull’Adda, si parlerà invece di alimentazione, con il varo della Carta di Milano contro lo spreco alimentare. L’11 giugno sarà la volta di un concorso di arti grafiche e video sull’ambiente ideato e promosso dal regista Mattia Colombo, originario di Trezzo sull’Adda, mentre, il 10 giugno, al convegnoSfide ambientali e giornalismo sostenibile, informazione inquinata e buone notizie si discuterà di“comunicazione ambientale”.

Rappresentanti

Questi alcuni degli eventi del Festival, manifestazione cui prenderanno parte rappresentanti dei parchi italiani ed europei, esperti di ambiente, manager, architetti, biologi, economisti, scienziati, giornalisti, ministri, come Gianluca Gallettiministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (prevista anche la presenza del sottosegretario Barbara Degani) e Maurizio Martinaministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Sponsor

Diversi, gli sponsor, fra cui Angelo Verderio di Coverd, azienda che si occupa di bioedilizia e, in particolare, di isolamento acustico e bioclimatico grazie a tecnologie a base di sughero naturale (non solo, nella sede storica dell’azienda, dove un tempo i “contadini essiccavano il grano sull’aia”, c’è oggi un Museo della Vita Contadina del Novecento). Così, il patron di Coverd, ha spiegato il sostegno al Festival: “Perché riteniamo che il lavoro avviato tanti anni fa sulla sostenibilità non debba avere fine. E anche perché crediamo fermamente che il nostro contributo al dibattito ambientale possa essere importante, sia per la crescita dell’azienda che della cultura della sostenibilità.

L’ambiente è oggi una delle sfide più interessanti e necessarie che l’umanità si trova a dover affrontare. In azienda siamo soliti dire che ‘la prossima sfida è sempre il futuro!’ Ecco anche per l’ambiente, per la sostenibilità, per i parchi, la prossima sfida è il futuro”.

Curiosità

Fra le curiosità del Festival, Infinite ragioni. Paesaggi meccanici, mostra personale, a cura di Ida Chicca Terracciano, di Luce Delhove, che sarà inaugurata il 10 giugno alla Centrale Taccani di Enel Green Power. In esposizione le opere grafiche frutto delle sue “esplorazioni” del fiume Adda e del suo habitat ed espressione di una curiosità artistica rivolta allo “spirito primordiale” racchiuso nelle “singolari conformazioni dei materiali rocciosi”, come il “caratteristico sasso nero”, nonché alle “piante acquatiche e arbustive abitate da insetti fasmidi come la robinia e gli arbusti spinosi.

Sono Angelo Verderio della Coverd, azienda che da oltre 30 anni si occupa di bioedilizia e in particolare di efficienza energetica e isolamento acustico di ambienti di tutti i generi attraverso l’utilizzo del sughero di produzione esclusivamente italiana.

Fin da tempi non sospetti, abbiamo promosso e praticato la filosofia dell’eco-sostenibilità di prodotti naturali, facendone la nostra principale strategia aziendale. Un punto di partenza e di arrivo di ogni progetto. Questo quando la sostenibilità era ancora lontana dal sentire comune degli imprenditori e della gente.

Ruolo

Siamo sponsor dell’International Parks Festival e vogliamo portare, in questa conferenza stampa, il nostro saluto. Oltre che da imprenditori, da sempre abbiamo investito risorse, economiche e umane, anche nella comunicazione della sostenibilità, soprattutto attraverso l’ideazione della nostra rivista BioEdilizia che pubblichiamo da oltre 27 anni. Coverd in occasione del 30° anno di attività ha realizzato un libro sul recupero di un edificio storico dove una volta i contadini essicavano il grano sull’aia e oggi sede della propria azienda che ora ospita anche un museo della Vita contadina del Novecento, intercettando le tematiche Expo 2015 alimentazione, agricoltura, cultura e sostenibilità.

Perchè noi

Perché il nostro sostegno al Festival? Perché riteniamo che il lavoro avviato tanti anni fa sulla sostenibilità non debba avere fine. E anche perché crediamo fermamente che il nostro contributo al dibattito ambientale possa essere importante, sia per la crescita dell’azienda che della cultura della sostenibilità.

Ritengo che il tema Ambiente sia oggi una delle sfide più interessanti e necessarie che l’Umanità si trova a dover affrontare.

Grazie e buon proseguimento a tutti!